testalino corsi

Logo FSE 2017

DESTINATARI/PARTECIPANTI – VOUCHER FORMATIVO INDIVIDUALE

Sono destinatari degli interventi di cui alla Misura 3.10iv.12.01.03 della Direttiva Formazione Continua e Permanente e, in quanto tali, possono partecipare alle attività formative approvate sul Catalogo dell’Offerta Formativa, attraverso il voucher formativo individuale, i lavoratori occupati impiegati presso un datore di lavoro localizzato in Piemonte e/o i lavoratori domiciliati in Piemonte:

a) impiegati in ruoli esecutivi e/o privi di livelli di qualificazione di base in ambito privato e pubblico;

b) impiegati in ruoli intermedi o in ruoli di responsabilità e/o funzioni specialistiche, compresi gli operatori delle agenzie formative, dei soggetti accreditati per i servizi al lavoro e i funzionari delle Pubbliche Amministrazioni;

c) quadri e dirigenti privati e pubblici;

d) agenti, lavoratori con contratto a tempo parziale, a tempo determinato o di collaborazione organizzata dal committente ai sensi dell’art. 2 del D.Lgs. n. 81/2015, nonché inseriti nelle altre tipologie contrattuali previste dalla vigente normativa in materia che configurino lo stato di lavoratore occupato;

e) titolari e amministratori di piccole e medie imprese, inclusi i coadiuvanti;

f) professionisti iscritti ai relativi albi;

g) lavoratori autonomi titolari di partita IVA differenti da quelli richiamati alle lettere e) e f).

 

DESTINATARI/PARTECIPANTI – VOUCHER FORMATIVO AZIENDALE

Sono destinatari degli interventi di cui alla Misura 3.10iv.12.02.03 della Direttiva Formazione Continua e Permanente e, in quanto tali, possono partecipare alle attività formative approvate sul Catalogo dell’Offerta Formativa, attraverso il voucher formativo aziendale richiesto dall’impresa/soggetto assimilabile di cui sono addetti, i lavoratori occupati presso imprese localizzate sul territorio della Città metropolitana di Torino:

a) impiegati in ruoli esecutivi e/o privi di livelli di qualificazione di base in ambito privato;

b) impiegati in ruoli intermedi o in ruoli di responsabilità e/o funzioni specialistiche, compresi gli operatori delle agenzie formative e dei soggetti accreditati per i servizi al lavoro;

c) quadri e dirigenti privati;

d) agenti, lavoratori con contratto a tempo parziale, a tempo determinato o di collaborazione organizzata dal committente ai sensi dell’art. 2 del D.Lgs. n. 81/2015, nonché inseriti nelle altre tipologie contrattuali previste alla vigente normativa in materia che configurino lo stato di lavoratore occupato;

e) titolari e amministratori di piccole e medie imprese, inclusi i coadiuvanti;

f) professionisti iscritti ai relativi albi.

Sono esclusi dal voucher formativo aziendale i lavoratori della Pubblica Amministrazione

 

RICHIEDENTI VOUCHER FORMATIVO AZIENDALE

Possono richiedere uno o più voucher formativi aziendali per la partecipazione di uno o più dei propri addetti alle attività formative approvate sul Catalogo dell’Offerta Formativa costituito ai sensi del presente Avviso, le imprese e i soggetti assimilati localizzati sul territorio della Città metropolitana di Torino.

Sono compresi nella definizione di impresa e soggetti assimilati, tutte le imprese pubbliche e private ex L.R. n. 63/1995, art. 11, comma 1, lett. d), gli enti con natura giuridica privata, le associazioni gli studi professionali, le fondazioni, le agenzie per il lavoro di cui al d.lgs. n. 276/2003, esclusivamente per la formazione dei lavoratori alle proprie rispettive dipendenze.

Le Pubbliche Amministrazioni non possono richiedere voucher.

I titolari di piccola e media impresa (comprese le ditte individuali) e i professionisti iscritti agli albi, pur essendo ricompresi tra i destinatari anche del voucher formativo individuale, di norma sono destinatari di voucher formativo aziendale: possono usufruire del voucher formativo individuale solo per il rinforzo di competenze professionali non collegate – direttamente o indirettamente – con la propria attività professionale principale, con particolare riferimento a una prospettiva di mobilità professionale.

Le attività svolte ai sensi del presente Avviso alle quali partecipino lavoratori assunti con contratto di inserimento o di apprendistato, possono integrare ma non sostituire l’intervento formativo obbligatorio previsto ai sensi dei rispettivi contratti.

Alla voce “agenti”, di cui alle lettere d) dei precedenti paragrafi 3.1 e 3.2, si intendono compresi gli agenti di commercio e/o rappresentanti, di affari in mediazione, di assicurazione e broker, di prodotti finanziari

 

DEFINIZIONE DELLA DIMENSIONE DI IMPRESA/SOGGETTO ASSIMILABILE

Secondo quanto previsto dalla normativa dell’Unione Europea (Raccomandazione 2003/361/CE della Commissione del 6/5/2003, confermata dal Reg. UE 651/2014) in relazione al numero di addetti e alle soglie finanziarie che definiscono le categorie delle imprese:

- si definisce media impresa un’impresa che occupa meno di 250 persone, il cui fatturato annuo non supera i 50 milioni di Euro e/o il cui totale di bilancio annuo non supera i 43 milioni di Euro;

- si definisce piccola impresa un'impresa che occupa meno di 50 persone e realizza un fatturato annuo e/o un totale di bilancio annuo non superiori a 10 milioni di Euro;

- si definisce microimpresa un'impresa che occupa meno di 10 persone e realizza un fatturato annuo e/o un totale di bilancio annuo non superiori a 2 milioni di Euro.

L’effettiva dimensione è inoltre determinata in relazione alle condizioni di partecipazione e controllo previste dal citato regolamento. Le imprese non rientranti nelle predette categorie sono classificate grandi.

La suddetta classificazione si applica anche ai soggetti privati assimilabili alle imprese.

 

ESCLUSIONI E LIMITI DI PARTECIPAZIONE COMUNI A ENTRAMBE LE MISURE

Non sono ad alcun titolo inclusi tra i destinatari delle azioni di cui alla presente Avviso:

- i soci non dipendenti, gli amministratori (non contrattualizzati), i consiglieri di società/enti;

- i soci non lavoratori (soci di capitale) di imprese, incluse le cooperative;

- le persone in mobilità.

Non sono inoltre inclusi i lavoratori percettori di ammortizzatori sociali per i quali siano previsti interventi formativi ai sensi di altri atti di indirizzo e/o specifici provvedimenti di sostegno; tale condizione (e quindi l’inclusione o meno trai destinatari dei percettori di ammortizzatori sociali) sarà verificata ed esplicitata nell’Avviso ai lavoratori occupati citato in testa al capitolo.

I lavoratori degli enti di formazione professionale non possono partecipare alle attività formative a titolarità del proprio ente datore di lavoro, né, in caso di presentazione in Raggruppamento Temporaneo, a titolarità di agenzie formative che compongono il medesimo R.T.

Tutti i lavoratori occupati che partecipano alle attività formative a Catalogo devono aver compiuto diciotto anni.

I lavoratori in aspettativa/malattia/infortunio/maternità, nel periodo di durata della sospensione dal lavoro, non possono partecipare alle attività formative a Catalogo né attraverso un voucher di formazione individuale né attraverso un voucher di formazione aziendale.

 

ALLIEVI A PAGAMENTO COMPLETO

Possono partecipare alle attività formative a catalogo anche allievi a pagamento, che non richiedono/ottengono il voucher di partecipazione, purché abbiano i prerequisiti (didattici) eventualmente previsti per la partecipazione al corso e paghino all’agenzia formativa l’intero costo del corso indicato a catalogo. Gli allievi non destinatari di voucher frequentano il corso alle stesse condizioni e con le stesse regole degli allievi con il voucher e ottengono, se meritevoli, la certificazione prevista in esito al percorso.Catalogo né attraverso un voucher di formazione individuale né attraverso un voucher di formazione aziendale.

 

 

 

Logo FSE.2 2017.jpg